Domande e Risposte

  pagina 1 di 19 Avanti »
 

Buongiorno Dottoresse,
sono una giovane mamma di una bambina di 8 anni, Sara.
A parte qualche mese di ginnastica ritmica, praticata con scarso entusiasmo durante la prima elementare, Sara non ha mai più frequentato nessun altro corso sportivo. Alla fine dell’anno scolastico scorso, dopo aver assistito al saggio di danza di fine anno di una sua compagna di classe, Sara ha cominciato a chiedere in famiglia se avrebbe potuto iscriversi anche lei quest’anno a danza: cosa mi consigliate di fare? Non vorrei buttare via i soldi dell’ iscrizione… Grazie per l’aiuto!
Giulia

PsicologheLa riposta delle Psicologhe

Cara Giulia,
mi sembra di capire che il tuo timore sia relativo ad una scarsa tenuta nel tempo di Sara, non lo specifichi nella tua mail e dunque sarebbe interessante capire perché la ginnastica ritmica praticata due anni fa è stata interrotta dopo pochi mesi: è stato “lo scarso entusiasmo” di Sara a far interrompere la pratica prima della fine dell’anno scolastico oppure ci sono stati altri motivi? È importante che qualsiasi sia l’attività motoria intrapresa, il genitori rinforzi il bambino/a nella scelta effettuata in modo che egli non si fermi di fronte alle prime, inevitabili, difficoltà. Sarebbe importante, per rafforzare la sua autostima ed autoefficacia, che il bambino/a, a meno che ci siano motivi rilevanti, riesca a portare a termine il corso annuale previsto e magari rinviare alla fine dell’anno scolastico la valutazione se continuare o meno la medesima attività motoria l’anno successivo.

Per approfondire insieme a Sara i motivi alla base della eventuale mancanza d'interesse e dei momenti di svogliatezza, inevitabili, è necessario aprire dei momenti di dialogo, soprattutto se questi momenti di difficoltà sono ricorrenti, in modo da capire se magari c’è davvero qualche motivo di disagio profondo da parte di Sara che allora indicherebbe la necessità di prendere davvero in considerazione l’idea di cambiare corso o gruppo oppure proprio interrompere l’attività; prova a capire se “lo scarso entusiasmo” è dovuto a qualche motivo particolare e di che natura. Nello specifico della danza, inoltre, tieni in considerazione che è un’attività impegnativa, i risultati si ottengono dopo tanto impegno e dedizione: spesso sono proprio i genitori che si rivolgono alle insegnanti chiedendo: “Ma come? Mia figlia è al secondo anno e fa ancora la sbarra! E quando metterà le punte?”: bisogna davvero avere pazienza e fare le cose con calma!

Proprio per questo motivo porrei anche attenzione alle reali motivazioni che hanno spinto Sara a chiedere in famiglia di frequentare un corso di danza quest’anno: forse si è entusiasmata nel vedere il saggio dell’amica e pensa che nelle lezioni sarà tutto come al saggio, è quindi importante spiegarle che ci saranno di sicuro momenti di spettacolo e ludici ma anche esercizi e un po’ di fatica…e la sbarra la farà a tutte le lezioni! Sarà dunque molto importante darle questo tipo di riscontro soprattutto nelle prime lezioni, approfittando magari del periodo di prova che ormai tutte le scuole offrono agli allievi che si iscrivono per la prima volta.

Un caro saluto,
Dott.ssa Paola Cartelli
Psicologa

 
  pagina 1 di 19 Avanti »