Domande e Risposte

Buongiorno,
devo preparare una variazione per un concorso e nonostante la mia decisione sarà concordata con la mia insegnante mi farebbe piacere un parere esterno su che variazione potrei portare. Sono alta 1.65, molto longilinea, ho un buon equilibrio ma non sono molto aperta di anche (poco en dehors) ho una gamba mediamente alta, sono piuttosto brava nelle pirouettes e nei piccoli e medi salti. Finora ho ballato la variazione di Gamzatti dal Grand Pas e quella della Fata Confetto...

Cosa mi consiglia?
La ringrazio in anticipo se mi risponderà, saluti. Margherita

Maestro Domenico BertiniLa risposta del Maestro Domenico Bertini

Cara Margherita,
é difficile, se non quasi impossibile darle un consiglio, senza averla mai vista danzare. Ci proverò lo stesso. Potrebbe fare la Variazione di Swanhilda dal terzo atto di Coppelia nella versione che usano in america che credo sia del coreografo Rodriguez (spero di non dire stupidaggini).

È una variazione di stile, non difficilissima e abbastanza di effetto. Nell'infinito panorama di variazioni di repertorio potrebbe anche fare una delle fatine del prologo della Bella Addormentata, oppure una delle deu (consiglio la prima) delle soliste della scena del "Sogno" di Raymonda". Altre variazioni "papabili" sono quelle delle damigelle d'onore nella versione del Bolshoi, di "Don Chisciotte".

Poi chiaramente la sua insegnante avrà le sue idee.

In bocca al lupo
Domenico