Tanz Der Vampire

Tanz Der VampireTanz Der Vampire è un musical scritto da Michael Kunze con musiche di Jim Steinman basato sul film del 1967 "Per favore non mordermi sul collo", diretto da Roman Polanski.

Trama:
In viaggio attraverso la mitteleuropa del XIX secolo in cerca di vampiri, l'eccentrico professor Abronsius e il suo pavido assistente Alfred, a causa di una tempesta di nevesono costretti a rigugiarsi in una locanda di paesani, intenti a decantare le molte virtù dell'aglio (Knoblauch). Mentre il professore inizia ad indagare sullo strano comportamento dei locali (Bitte, meine Herren!), Alfred familiarizza con Sarah, giovane figlia dell'oste ebreo Chagall, il quale, dopo aver protetto la virtù della bella figlia barricandone letteralmente la camera con delle assi (Eine schöne Tochter ist ein Segen) si appressta ipocritamente a passare la notte con l'amante Magda, ma viene interrotto dalla moglie che, dopo aver accidentalmente quasi tramortito il professore, costringe il marito a ritornare nel letto coniugale (Nie geseh'n). Mentre la notte cala sugli ospiti della locanda, nell'oscurità appare il conte Von Krolock, chiamando Sarah a se, per poi riflettere sulla tragica condizione dei vampiri (Gott ist tot).

Il giorno successivo, i sospetti di Abronsius vengono confermati in seguito alla visita del bizzarro gobbo Kokoul, servitore del conte, che stimola subito la curiosità scientifica del professore e lo induce ad approfondire le indagini(Alles ist hell / Wahrheit). Più tardi, alla locanda, Sarah si diverte a civettare, dapprima timidamente poi con una certa malizia, con Alfred (Du bist wirklich sehr nett), per metterlo però poi alla porta e immergersi nella vasca da bagno. Von Krolock fa quindi il suo ingresso nella stanza, invitando la ragazza al ballo annuale dei vampiriri, ma viene interrotto da Alfred, che, cercando di spiare Sarah, si accorge della sua presenza e mette in allarme Chagall costringendo così il conte alla fuga (Einladung zum Ball).

Gli eventi della notte non fanno che stimolare il desiderio di libertà di Sarah (malgrado i poco sottili tentativi di Chagall di "educare" la figlia), che si avvicina ulteriormente ad Alfred (Draußen ist Freiheit), cedendo però infine al fascino esercitato da Von krolock e indossando gli stivali rossi incantati donategli dal conte, che la condurrano magicamente al castello (Die roten Stiefel). Chagall, furioso, si mette all'inseguimento della figlia e del suo rapitore, ma il giorno successivo viene riportato alla locanda il suo cadavere, apparentemente assiderato. Incurante della disperazione dei presenti, Abronsius espone le sue teorie e cerca di trafiggere il cadavere con un paletto, ma viene cacciato da Rebecca (Trauer um Chagall).

Più tardi, Magda visita solitaria il corpo dell'amante, riflettendo sulla morte, quando improvvisamente questi si rianima e, incurante del crocifisso impugnato dalla donna (Chagall è ebreo!) si avventa su di lei (Tot zu sein ist komisch). Quando Abronsius torna sul posto, accompagnato da un poco collaborativo Alfred, per "finire il lavoro", si trova di fronte il corpo della donna e il redivivo Chagall, che si offre di accompagnare i due al castello del conte per avere in cambio salva la vita, fuggendo però subito dopo lasciandoli soli in mezzo alla neve (Durch die Wildnis zum Schloss). Raggiunto infine comunque il castello, i due vengono accolti dal cortese ma inquietante Von krolock, che, affascinato dagli ospiti inattesi, presenta loro il figlio Herbert, vampiro dalle evidenti tendenze omosessuali subito colpito da Alfred, e li conduce nel suo dominio (Vor dem Schloß -Finale 1. Akt-).

Sarah, insonne, vaga nell'oscurita tra le sale del castello, riflettendo sulle sue paure e i suoi desideri. Viene raggiunta da Von Krolock, che si offre offre di darle quello che desidera, trattenendosi però dal morderla prima del ballo la sera successiva (Totale Finsternis). Nella notte, figure demoniache si animano dagli incubi di Alfred mostrandogli la trasformazione di Sarah ed egli stesso in vampiri, per poi svanire con il giungere del mattino (Carpe Noctem -der Alptraum), quando, scacciando i timori notturni, i due ospiti si alzano dal letto per mettersi alla riocerca del vampiro (Ein perfekter Tag). Dopo un caotico e poco riuscito tentativo di penetrare nel covo diurno di Von Krolock, sono però costretti a rinunciare, lasciando spazio ai neovampiri Magda e Chagall, che cercano di comprendere la loro nuova condizione (In der Gruft).

Dopo aver "perso" Abronsius, rapito ed estasiato dalla biblioteca du Von Krolock, Alfred ritrova Sarah, cercando con poco successo di convincerla a tornare a casa (Bücher, Bücher / Für Sarah), ma viene trattenuto da Herbert, dalle cui sempre più esplicite e pericolose avances è salvato solo grazie al tempestivo intervento di Abronsius. (Noch mehr Bücher! - Wenn Liebe in dir ist). Dai bastioni del castello, i due assistono alla macabra processione dei vampiri rianimatisi per il ballo, che lamentano la propria vuota e grigia esistenza eterna (Sie irren, Professor - Ewigkeit). Appare quindi Von Krolock, che, nella solitudine del cimitero, sfoga la propria rabbia e disperazione, ricordando tutto il male commesso nel corso della sua lunga esistenza e riflettendo su come l'inestinguibile fame che lo tormenta lo abbia sempre portato a distruggere tutto ciò che ama (Die unstillbare Gier).

Alfred e Abronsius, maldestamente nascosti tra gli invitati al ballo, si preparano a rapire Sarah, quando appare Von Krolock annunciando il ricco pasto che attende gli ospiti. Giunge infine Sarah, che si offre al conte e viene morsa da questi. Alfred e Abronsius, benché scoperti, riescono comunque a fuggire portando con se la ragazza. (Tanzsaal). Nella campagna innevata, la gioia di Alfred per aver salvato Sarah si tramuta in orrore quando quest'ultima si rivela un vampiro e morde il giovane al collo (Draußen ist Freiheit -Reprise-). Mentre Abronsius annuncia il proprio trionfo sulle forze del male, Sarah e Alfred, entrambi vampiri, si avvicinano a lui...

Nell'epilogo, Magda guida i vampiri che, questa volta in abiti moderni, inneggiano all'amoralità e all'egoismo, invitando il mondo ad unirsi a loro (Der Tanz der Vampire -finale).