Pippi Calzelunghe

Pippi Calzelunghe Il Teatro Argentina ha ospitato dal 26 Febbraio al 6 Marzo lo spettacolo “Pippi Calzelunghe”, nato come serie televisiva della scrittrice svedese di racconti di fiabe Astrid Lindgren, è ora adattamento teatrale e si presenta come musical prodotto dal Teatro di Roma, con la supervisione di Gigi Proietti, che aveva in mente di portarlo in scena già al Brancaccio, la regia e le coreografie sono di Fabrizio Angelini.

Trama: Tra i personaggi spicca la giovane e frizzante Eleonora Tata che interpreta con entusiasmo la protagonista, bambina dalle classiche trecce ribelli dal carattere anticonformista, energica, furba ed anche molto generosa. La storia ha inizio quando Pippi Calzelunghe va ad abitare sola in una casa molto grande, detta Villacolle in compagnia di una scimmietta, di nome Signor Nilsson e di un cavallo a pallini neri che chiama Zietto interpretano il cavallo di peluche Emiliano Geppetti e Alessandro Salvatori). In questa casa trova sempre moltissime cose da fare e le piace trascorrere il tempo arrampicandosi sul tetto. Un bel giorno Pippi conosce due bambini Tommy (Alessio Conforti) e Annika (Alice Lussiana Parente), vicini di casa, con i quali condivide una serie di avventure coinvolgenti. Ma Pippi Calzelunghe non ha i genitori, o meglio le piace raccontare che la mamma è su una nuvola che la osserva e il babbo è su una nave e presto farà ritorno. Sia l’assistente sociale che la polizia non riescono a farla allontanare dalla sua casa proprio perché la bambina preferisce una vita senza regole. Così un giorno si vede arrivare il padre, Capitano Calzelunghe (Maurizio Palladino), che la vorrebbe portare con sé in giro per i mari del mondo. Lo spettacolo termina con la scelta di Pippi di restare con i compagni Tommy ed Annika, lasciando al pubblico un profondo messaggio legato all’importante significato dell’amicizia. Spettacolo divertente per le famiglie, i bambini ma anche adatto ad un pubblico adulto, prosegue in altri teatri di Roma fino al 29 Marzo.