La Strada

Dramma con musiche tratto dall'omonimo film di Federico Fellini, di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi
Musiche originali di Germano Mazocchetti
Regia Massimo Venturiello
Scene di Alessandro Chiti
Costumi di Sabrina Chiocchio
Coreografie Fabrizio Angelini
Luci Vincenzo Raponi

Dopo il grande successo ottenuto con Gastone di Petrolini, Massimo Venturiello si confronta con "La Strada" tratto dall’opera memorabile di Federico Fellini

L’adattamento teatrale, scritto anni fa da Bernardino Zapponi e Tullio Pinelli (quest’ultimo collaboratore alla sceneggiatura con Fellini e Flaiano), pur restituendo la trama e i dialoghi del film, inventa qualcosa di nuovo, squisitamente teatrale, spostandosi in una dimensione poetica che va oltre la sfera realistica del film e ci porta altrove.

La poetica dello spettacolo che si avvale di otto attori è centrata, da una parte, sul rapporto (o meglio sull’impossibilità di un rapporto) tra Zampanò e Gelsomina, sulla loro difficoltà insormontabile di ascoltarsi, e, dall’altra, sul mondo in cui essi si muovono (la ‘strada’, appunto) in mezzo a persone che forse hanno in comune solo la ricerca disperata della sopravvivenza.