Cleopatra

Cleopatra Trama
“…Tarso, 41 a.c. un furibondo Marco Antonio attende sulle rive del fiume Cidno l’arrivo della Regina d’Egitto: Cleopatra deve spiegazioni per il suo mancato intervento nella campagna contro Bruto e Cassio. Ma, come Cesare prima di lui, anche il grande Generale dell’Esercito Romano cadrà vittima del fascino e dello splendore della Dea Iside scesa tra i comuni mortali…”

Si svilupperà da qui una vicenda che possiede tutti gli elementi di un moderno romanzo.

La figura di Cleopatra e le vicende storiche che la videro protagonista, hanno da sempre affascinato registi e sceneggiatori. La sua vita possiede in effetti tutti gli elementi per un ottimo intreccio: amore, passione, calcolo politico, sullo sfondo di un periodo storico senza eguali, elementi sui quali si è però insistito troppo, facendo scivolare fatti e personaggi reali sul piano del mito e della leggenda.

La storia ci insegna che i suoi protagonisti sono innanzitutto degli esseri umani, sottoposti all’influenza dei sentimenti, agli impulsi caratteriali e alle debolezze che ne determinano le azioni. Nelle scelte di Cleopatra e Antonio la spontaneità e la forza della passione devono per forza scontrarsi con le esigenze dei loro grandi imperi, ed una tale complessità di sentimenti può essere riprodotta e trasmessa solo attraverso la musica.
Una musica importante e d’effetto, vicina ai personaggi così come al pubblico, che dà voce ad un testo piano ed immediato, eppur ricco di significati. Non è dunque solo attraverso la grandiosità di scenografie e costumi che questo spettacolo racconta e, al tempo stesso, rende omaggio a Cleopatra, bensì attraverso la musica, una musica ispirata da un inedito connubio dove tecnologia moderna e iconografia egizia si fondono con equilibrio, dando vita ad un’Opera Pop/Rock innovativa e ricca di contaminazioni sia sonore che visive.


Musical.it