AznaMour

AznaMour Trama: Tutto nasce da un annuncio su Facebook… All’inizio della storia, potrà sembrare che mai come oggi i linguaggi siano diversi e incompatibili. Forse, l’unica possibilità di mediazione può essere la musica e il tema che vi predomina: l’amore con tutte le sue declinazioni (la gioia, la delusione, l’abbandono, il tradimento, la noia). Temi prediletti da Charles Aznavour, le cui canzoni diventano pretesto e occasione per un confronto fra generazioni diverse.

Sarà la musica a diventare il collante della storia che i tre racconteranno sul palcoscenico. Non una biografia quindi, ma una storia “altra”, che magicamente confluirà nelle canzoni, come se queste fossero state scritte apposta per la storia che viene raccontata.

I tre artisti affronteranno con un viaggio a 360° cinque parole/tema, in nome della reciproca comunicazione: l’Uomo e la Donna, l’Amore e l’Amicizia, la Famiglia, il Paese e la Società, la Vita e anche la Morte. Sono temi su cui le parole devono essere capaci di ironizzare, di scherzare, di giocare, di far ridere. Anche se, talvolta, il sentimento che predomina è un’intesa commozione. Accanto ai protagonisti, in scena c'è Emiliano Begni al pianoforte. Lo spettacolo si chiude con una canzone inedita scritta da Maurizio Fabrizio, “La vita è un miracolo”.