Danza Greca

Danza Greca La più famosa delle danze greche è il Sirtaki, conosciuto in tutto il mondo e diventato al pari del partenone e delle statue dei filosofi una icona greca. Il Sirtaki è un mix tra una versione lenta e veloce della danza tradizionale greca chiamata Hasapiko detta anche la "danza dei macellai" il cui nome deriva dalla lega dei macellai di Costantinopoli, in epoca bizantina.

I danzatori tendono la mano appoggiata l’uno sulla spalla dell’altro, in un ritmo di graduale accelerazione. Le danze greche sono di origine antichissima, come dimostrano le figure danzanti di molti vasi dell'epoca. Non è cambiato molto da allora. Forse le danze di oggi saranno state spogliate del significato originario, ma hanno ancora movimenti simili a quelli dell’epoca classica. La Sousta, per esempio, era la danza eseguita da Achille intorno alla pira funeraria dell’amico Patroclo. Le dell’eroe vengono oggi compiuti nelle piazze dei villaggi come fossero balli d’amore in cui si fronteggiano uomini e donne.

 

Le danze si svolgono al suono di musiche lamentose e nostalgiche, suonate da cori di mandolini, da clarinetti. Ogni occasione e buona per mettersi a danzare. Per matrimoni, battesimi o anche di funerali, non manca mai qualcuno che cominci a suonare un mandolino con la formazione di un gruppo di danzatori che descrive un cerchio. E in cerchio si balla anche la moderna versione delle antiche danze greche, il Sirtaky. Come il Syrtos, molto diffuso sulle isole. Il tsakonikos, la danza del labirinto, che sembra risalire al mito di Teseo che uccise il Minotauro nel labirinto di Crosso. O la mirologhia, che serve a commemorare il morto. Il tutto in un gioco di piedi battuti a terra o strusciati, salti, contorsioni, e ritmo che si fa sempre più serrato.