Danza del ventre in gravidanza

Gravidanza danzaTutte le future mamme sanno bene che fare attività fisica durante i nove mesi è fondamentale per mantenersi in forma e per arrivare al parto preparate e toniche. Oltre alle tradizionali forme di ginnastica, però, le donne incinta possono dedicarsi a un’attività particolare, da sempre ritenuta sexy e rilassante: la danza del ventre.

Le future mamme scopriranno come affrontare la gravidanza in maniera serena e giocosa, dedicandosi a un’attività divertente da svolgere prevalentemente in gruppo, consentendo anche la creazione di un legame di condivisione con le altre future mamme.

Conosciuta fin dall’antichità e già praticata in Mesopotamia proprio per preparare le partorienti al momento del travaglio, la danza del ventre aiuta le donne in dolce attesa con grandi benefici. Grazie ai movimenti rotatori del bacino, fondamentali come spiegano in tutti i corsi di preparazione al parto, questa danza aiuta il corpo della donna e soprattutto i muscoli impegnati nell’atto del parto.

Un’attività prenatale che fa bene alla futura mamma e anche al bambino. Danzando la donna si muove come cullando il piccolino dentro la pancia, creando fin dal periodo prenatale un legame indisslubile con il proprio figlio. Con questa danza sinuosa infatti si muove dolcemente il bacino, e anche e la parete addominale viene rinforzata.

Facilmente inoltre questi movimenti avranno un’azione analgesica e prepareranno la regione pelvica coinvolta nelle fasi del parto, oltre a irrobustire la colonna vertebrale permettendo alla donna di mantenere una postura corretta.

Non solo movimenti, però: tipica della danza del ventre, infatti, è anche la respirazione che accompagna le movenze, scandite da una melodia di note basse che stimolano un respiro lento e rilassato, che scioglie le tensioni e migliora la circolazione sanguigna garantendo molti benefici anche al feto.

I benefici che la danza del ventre produce sono riassumibili in una maggiore flessibilità del tono muscolare, un aumento della capacità respiratoria, una preparazione analgesica al momento del travaglio, in una postura più adatta alla fase espulsiva, una diminuzione dei problemi scheletro muscolari e un rilassamento benefico che stimola anche un buon riposo notturno.

Secondo gli esperti, inoltre, la memoria muscolare è in grado di preservare i movimenti imparati con la danza del ventre, facendo in modo che la partoriente li possa ripetere quasi autonomamente anche durante il parto stesso, nonostante lo stress o magari la paura. E dopo la nascita del neonato la danza del ventre potrà aiutare la neomamma a rimettersi in forma.


Diredidonna,it