Paolo Bortoluzzi

Paolo Bortoluzzi Biografia: Ballerino e coreografo italiano, nato a Genova 17 maggio 1938 e prematuramente scomparso a Bruxelles 16 ottobre 1993, è stato allievo di Ugo Dell'Ara e, successivamente, di Nora Kiss, Asaf Messerer, Viktor Gsovski e Maurice Béjart. Debutta a 19 anni al festival di Nervi con il Balletto europeo diretto da Massine e vince al concorso Viotti di Vercelli nel 1958 il premio di pas de deux con Giuliana Barabaschi. Il suo debutto alla Scala di Milano avviene nel 1963 con Les Demoiselles de la nuit di Roland Petit ma la sua carriera di étoile è soprattutto legata al Ballet du XXème siècle ed a Maurice Béjart.

Per la compagnia di Bruxelles ha danzato Pulcinella, Bolero, Romeo et Juliette (musica di Berlioz), Nijinskij clown de Dieu, L’Oiseau de feu, Nona Sinfonia, Messe pour le temps present, Bhakti, Nomos Alpha e Chant du compagnon errant (1971 con partner Rudolf Nureyev). Lasciata la Compagnia belga nel 1972, dal 1975 al 1979 è il danzatore étoile principale della Scala di Milano e per il cui Corpo di Ballo, del quale diventerà direttore nel 1981, crea coreografie come Omaggio a Picasso e Cinderella (1977), Nuits d'été (1980), Il principe felice (su musica di Mannino, 1987). Sempre nel 1981 diviene danzatore étoile dell’American Ballet Theatre di New York dove danza Il lago dei cigni, Giselle, Les Contes d’Hoffmann. Nel 1984 viene nominato direttore del Balletto di Düsseldorf e nel 1990 Alain Lombard gli affida la direzione del Balletto di Bordeaux per il quale crea Le Nuits d’été e La Belle et la Bête (1992). Altre sue creazioni di coreografo sono i balletti Ricercare su musica di Bach-Webern e Suite in re maggiore su musica di Bach. Sue partners d’eccellenza sono state Carla Fracci, Vera Colombo e Luciana Savignano.

Danzatore versatile e capace di affrontare stili differenti di danza, è stato per oltre un ventennio la principale étoile maschile italiana nel mondo.