Fabio Grossi

Fabio Grossi Biografia: Danzatore italiano con esperienze internazionali. Fabio Grossi è oggi tra i principali interpreti del Teatro dell'Opera di Roma. Nato a Roma il 1 Ottobre 1977, studia all'Accademia Nazionale di Danza, dove si diploma con il massimo dei voti. Si perfeziona con M. Besobrasova, R. Hightower, R. Franchetti e W. Burmann.

Il suo primo ruolo da Solista è, a 17 anni, in "The Conference" di B. Cullberg. Nell'ultimo anno accademico è l'Oscurantismo in "Excelsior" di U. Dell'Ara. A 19 anni è vincitore assoluto del 7 Concorso di Rieti sia per il classico che per il contemporaneo ed è finalista, unico italiano, dell' 8 Concorso Internazionale di Mosca presieduto da Y. Grigorovich.

Nel 1997 debutta con l'Aterballetto, dove M. Bigonzetti crea per lui l'assolo "Wakti" ed il ruolo principale di "Comoedia".

Nel 1998 lascia l'Ater per trascorrere cinque anni di intensa attività internazionale presso le seguenti compagnie:

Ballet du Grand Theatre de Geneve ,Leipziger Ballett Uwe Scholz, Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano ,Ballet National de Marseille Pietragalla.
Effettua "tournees" in Italia, Svizzera, Austria, Germania, Danimarca, Spagna, Francia, Grecia, Russia, Tunisia, Israele, Cina, Thailandia, Giappone.
Si distingue in coreografie di M. Petipa, G. Balanchine, W. Forsythe, J. Kylian, U. Scholz, O. Naharin, R. North e A. Amodio.

Alla fine del 2003 torna in Italia ed entra nel Corpo di Ballo del Teatro dell'Opera di Roma diretto da C. Fracci, che gli affida ruoli da Solista e da Primo Ballerino:
"Il Lago dei Cigni" (Siegfried e Benno),
"Giselle" (Albrecht e Hilarion),
"Lo Schiaccianoci" (Schiaccianoci e Principe),
"La Bella Addormentata" (Diamante e Uccello Blu),
"Cenerentola" (Primavera),
"Les Sylphides" (Poeta),
"Petrushka" (Moro e Diavolo),
"Pulcinella" (Pulcinella)
"Le Bal" (Giovane Ufficiale),
"La Chatte" (Uomo Principale),
"La Gitana" (Don Alonso),
"La Vestale" (Decio e Publio),
"Girotondo Romano" (Marito).

Primo Ballerino nelle danze de "Il Pipistrello" al Teatro Costanzi e di "Aida" alle Terme di Caracalla. Danza con L. Savignano in "Odighitria" di L. Bouy.

Partner di C. Fracci nelle creazioni di B. Menegatti per la Compagnia Italiana Balletto: "Omaggio a Petrarca", "Stabat Mater", "Requiem" e il pas de deux "Visione Lirica".

Con C. Fracci e i Solisti dell'Opera di Roma, partecipa al 19 Festival Internazionale di Balletto di Cuba diretto da A. Alonso.

All'Opera sono creati per lui ruoli principali in:
"Nozze di Sangue" di L. Bouy (Leonardo), "Re Lear" di L. Bouy (Goneril), "Aleksandr Blok" di L. Veggetti (Pierrot e Poeta Bianco), "Marina Cvetaeva" di G. Whittingham (Rainer Maria Rilke), "Dal Faust di Goethe" di L. Cannito (Mefistofele), "La Vestale" di P. Chalmer (il Sole), "Michelangelo" di G. Whittingham (Tommaso dèCavalieri), "Persephone" di M. Hodson (Plutone), "Georg Trakl" di L. Veggetti (Georg Trakl).
Fabio Grossi è insignito del Premio Positano "Leonide Massine" per l'Arte della Danza: al Merito come giovane promessa nel 1997 e al Valore come Primo Ballerino nel 2007.